Archivio per agosto, 2010

Dancer in the Dark

Selma (Bjork), una giovane cecoslovacca emigrata in America e con la passione del musical, fa l’operaia alla catena di montaggio, vive in uno squallido sobborgo di motorhomes, sta diventando cieca e mette via ogni centesimo per far operare il suo bambino e salvarlo dalla cecità che gli ha trasmesso geneticamente mettendolo al mondo. Infagottata in vestitini da quattro soldi, con le lenti spesse e lo sguardo sperso di chi non vede quasi più Selma si arrabatta e si vede costretta all’omicidio quando qualcuno le ruba tutti i suoi risparmi.

Basterebbe la trama di per se a rendere il film interessante e politicamente pericoloso, fuso poi allo stile asciutto di Von Trier, si sarebbe a posto: la quasi totalità dei suoi film, sono girati in modo serrato, quasi sempre con la camera a mano, con una pasta e con delle inquadrature da film casalingo, senza neanche un accenno di immagini costruite o artefatte, luce naturale, e storie di piccola vita quotidiana.

Leggi il resto di quest’articolo »

Io ballo da sola

Dopo il suicidio della madre, Lucy (Liv Tyler), una diciannovenne americana, viene mandata in vacanza in Toscana a casa del padre e di una coppia di amici. Nella splendida villa isolata sulle colline senesi ci sono anche altri ospiti. Da questo soggiorno Lucy si aspetta di ritrovare un ragazzo conosciuto anni prima ma soprattutto di scoprire l’identità del vero padre e chiarire la personalità della madre.

Bertolucci, con questo film, decide di svendere la propria onestà artistica, in un modo, che farebbe rabbrividire anche il più forte di stomaco.

Leggi il resto di quest’articolo »

Intervista

Dietro richiesta di una troupe televisiva giapponese, Fellini accetta di farsi intervistare sulla sua storia di regista. Eccolo al suo arrivo a Cinecittà, sprovveduto cronista di provincia. Ecco le immagini della “Dolce vita”. Ecco, assediata dal cemento e dalle antenne televisive, la Cinecittà di oggi, dove si continua a lavorare per il cinema con tenacia e allegria.

Leggi il resto di quest’articolo »

Il grido

Aldo (Steve Cochran) che lavora come operaio in uno zuccherificio convive da sette anni con Irma (Alida Valli). Dalla loro unione è nata una bambina. Il marito di Irma è emigrato da molti anni e l’arrivo della notizia della sua morte apre per Aldo la prospettiva del matrimonio. Irma però non ne vuole più sapere dell’uomo e gli confessa di non amarlo più. Per Aldo e per la bambina comincia un viaggio in Val Padana, alla disperata ricerca di una donna che possa occuparsi di lui e della sua bambina.

L’omologazione spirituale a cui sono sottoposti gli esseri umani degli ultimi secoli, non tarda ad arrivare anche per i poveracci, coloro che tirano a campare tentando di costruirsi una vita sulle macerie delle vite altrui, totalmente loro malgrado.

Leggi il resto di quest’articolo »

Il tè nel deserto

Siamo nel 1947. Port (John Malkovich) è un musicista senza ispirazione, Kit (Debra Winger) è sua moglie, una scrittrice a sua volta in crisi; insieme con l’amico George (Campbell Scott), che più tardi li abbandonerà, arrivano dagli Usa a Tangeri. Cercano di risolvere i loro problemi creativi e coniugali attraverso l’eccezionalità dell’esperienza africana. Port, però, si ammala di tifo e muore. Kit prosegue da sola: raccolta da una carovana di Tuareg, ha una drammatica storia d’amore con il loro capo.

Seconda puntata di Bertolucci fuori casa, per uno dei suoi film più enigmatici.

Leggi il resto di quest’articolo »

L’amico di famiglia

Geremia (Giacomo Rizzo), usuraio sessantenne di una cittadina dell’Agro Pontino, è sgradevole di aspetto e di carattere, ma si sente buono e socialmente utile. Crede di salvare le famiglie alle quali presta denaro: ma dal momento in cui accetta di “aiutare” una coppia che deve organizzare il matrimonio della figlia, la sua vita avrà una svolta inattesa.

Non fraintendiamoci: si tratta di un’opera importantissima nel nostro panorama cinematografico presente, ma anche, di uno di quei film che servono per sperare in un futuro artistico migliore, per il nostro paese morente.

Leggi il resto di quest’articolo »

 
    Web developed by Z3N.it
    Hosting WordPress by HardyPress