Antichrist

Questo film è contemporaneamente Dio e Satana: è Dio perché ci sono Adamo ed Eva, rappresentati da due persone ignote, che vagano nel giardino dell’Eden, circondati dalla natura, dal piacere, dall’unione, dalla felicità e dal loro mondo, o almeno dalla loro visione del mondo, hanno un figlio e si amano; è Satana, perché tutto il loro mondo arriva alla fine, alla morte, come tutte le cose, animate o inanimate che siano, vengono sedotti dal frutto del peccato e questo gli costa la perdita del figlio, ma non la cacciata dall’Eden, anzi, vi vengono ricondotti a forza per combattere le loro paure, ma ciò che vi ritrovano non è il paradiso terrestre, non è Dio, non è il piacere, non è l’ amore, non è la loro ragione o il loro piccolo grande mondo, ma l’altra faccia della medaglia, l’universo dall’altra parte dello specchio il cui riflesso è uguale e opposto a ciò che siamo e alla nostra essenza, le particelle subatomiche negative del mondo che si contrappongono a quelle positive formando due realtà parallele che si fondono e di cui siamo obbliganti a sceglierne una (un po’ una metafora del bene e del male), e come dicono a Il signore del male di John Carpenter, se esiste questo, se al mondo c’è un opposto di tutto e se il padrone, il creatore di tutto ciò è Dio, allora è logico pensare che colui che governa l’ altro mondo sia un Anti-Dio, l’angelo caduto dal cielo, il Diavolo.

Leggi il resto di quest’articolo »

 
    Web developed by Z3N.it
    Hosting WordPress by HardyPress