Hellraiser

Una misteriosa scatola proietta il raffinato e depravato Frank Cotton (Sean Chapman) in un demoniaco universo parallelo, al cui interno il suo corpo viene ridotto a brandelli da una miriade di ganci, catene e uncini; i membri della setta dei Supplizianti ne raccolgono i resti, mantenendoli in qualche modo in vita. Anni dopo, Larry (Andrew Robinson), il fratello di Frank, si trasferisce nella casa abbandonata di quest’ultimo con la moglie Julia (Claire Higgins) e la figlia Kristy (Ashley Laurence): l’accidentale e orribile resurrezione di Frank scatenerà nuovamente l’inferno…

Non è che sia proprio bruttissimo, è semplicemente una gran confusione, che non riesce mai a prendere il decollo.

Leggi il resto di quest’articolo »

La voce della luna

Bassa Padana: il sognatore Ivo Salvini (Roberto Benigni), sente le voci dai pozzi illuminati dalla luna e cerca la donna ideale. Ha piccole avventure con personaggi un po’ folli, finché incontra l’ex prefetto Gonella (Paolo Villaggio), che dappertutto vede congiure. Insieme irrompono in una discoteca, assistono alla “cattura” della luna in diretta Tv. Solo loro due, per amore o per angoscia, sanno “ascoltare” il silenzio della notte.

Un piccolo regalo prima della fine, ecco che cos’è La voce della luna, opera tutt’altro che minore per il regista riminese.

Leggi il resto di quest’articolo »

La città delle donne

Snaporaz (Marcello Mastroianni), uomo di mezza età, scende dal treno su cui sta viaggiando con la moglie per seguire una donna misteriosa. Si trova dapprima in un albergo dove scatenate femministe tengono un tumultuoso convegno (di cui nulla capisce), poi nel castello di un certo Dr. Katzone (Ettore Manni), un santone dell’erotismo, poi in un tribunale dove le donne lo condannano e in un’arena in cui deve essere linciato.

Ed ecco che Fellini comincia il suo percorso conclusivo, quello con cui si prospetta (poeticamente) di dire addio al cinema ed al mondo, e con cui vuole finire, una volta per tutte, di dire quello che sentiva di dover comunicare al resto del mondo.

Leggi il resto di quest’articolo »

Solomon Kane

Durante il XVII secolo Solomon Kane (James Purefoy), un uomo dall’aspetto cupo e tenebroso, vaga per il globo con il preciso obiettivo di estirpare il male assoluto presente sulla terra in ogni sua incarnazione per potersi redimere. La sua prima missione, consiste nel sottrarre Meredith (Rachel Hurd-Wood) dalle grinfie di un potente stregone.

Non tutto funziona, non tutto è orchestrato al meglio, cosa strana, molto strana, soprattutto considerando l’arco di tempo che ci è voluto ha preparare il film, a scrivere una sceneggiatura ottimale, a cercare le location e tutto il resto.

Leggi il resto di quest’articolo »

Giulietta degli spiriti

Giulietta (Giulietta Masina), è una donna dell’alta borghesia, che sospetta che il marito (Mario Pisù), la tradisca. I sospetti vengono confermati quando assume dei detective privati, che lo colgono sul fatto. Per risolvere il problema, Giulietta, prima si rivolge ad un veggente indiano, e poi tenta di instaurare un dialogo con il marito e con la sua amante.

8 ½ senza Fellini ma “accompagnato” da Fellini, ecco cos’è Giulietta degli spiriti. Il regista sente il bisogno di uno sfogo stilistico, di una fuga da quel mondo da incubo che è la realtà per potersi rifugiare in un universo del privato e della personalità assolutista.

Leggi il resto di quest’articolo »

Fellini-Satyricon

Encolpio e Ascilpio, sono due ragazzi della Roma antica. Le loro strade si incrociano continuamente per via di Gitone, un altro ragazzo dai lineamenti angelici che ha fatto innamorare entrambi. Questa contesa, li porterà a girovagare in lungo ed in largo.

Straordinario esercizio di nulla, per un Fellini ormai definitivamente entrato in una parte molto particolare della sua carriera, fatta di luci mistiche, di colori accesi, di paesaggi lussureggianti, di regge, di costumi, di sesso e di storia; il periodo delle “carnevalate”.

Leggi il resto di quest’articolo »

 
    Web developed by Z3N.it
    Hosting WordPress by HardyPress