La Sconosciuta

“Irena, una ragazza ucraina, cerca lavoro come donna delle pulizie in un elegante palazzo abitato da famiglie di Orafi. Conosce Gina, che lavora per la famiglia Adacher, e quando questa subisce un grave “incidente”, Irena viene assunta al suo posto. Entra così in punta di piedi, guadagnandosi pian piano fiducia della famiglia, conoscendo più approfonditamente Valeria (Claudia Gerini) e Donato (Pierfrancesco Favino) e la figlia Tea. Prende lentamente forma il torbido passato di Irena che non lascerà certo indifferente nessuno…

Leggi il resto di quest’articolo »

Miracolo a Sant’Anna

mUna storia vera, cruda e tutta italiana.

Spike Lee lo ha definito “il mio tentativo di rinnovare il genere del cinema di guerra“, ed a me questo tentativo non è dispiaciuto affatto.

Decide di fare un film basato sul romanzo di James McBride sull’eccidio di Sant’Anna di Stazzema, un paese in provincia di Lucca sulle Alpi Apuane, che nell’agosto del 1944 fu il luogo di un cruento massacro che vide come vittime 560 civili innocenti, per lo più donne, anziani e bambini, per mano delle SS ed alcuni collaborazionisti fascisti, mirando ad un atto terroristico.

Tragica vicenda che fino agli anni ’90 è rimasta segreta e quasi sconosciuta, rinchiusa nell'”Armadio della Vergogna” di Palazzo Cesi a Roma, contente pile di documenti legati a questa e ad altre stragi italiane compiute durante la seconda guerra mondiale.

Leggi il resto di quest’articolo »

Baciami ancora

baciami-ancora…e menomale che non ho aspettato questo sequel (che almeno hanno avuto il buongusto di non presentarci come tale, peraltro mentendo, perchè senza avere visto “L’ultimo bacio” di questo sarebbe capito ben poco e diventa anche più brutto di quanto non lo sia) con la stessa ansia con cui ho atteso altri tipi di seguiti.

In una parola: Delusione.

Certo, attendersi ancora di più rispetto al “L’ultimo bacio“, mi sembrava quasi impossible. Ma se le cose si devono fare tanto per, forse è meglio non farle.

Non è mai facile fare un seguito, non prendiamoci in giro, perchè di seguito si tratta. Ma molto di tutto il buono che era stato costruito è stato abbattuto con un bastione carico di mal di vivere tanto per il gusto di avercelo, di sciocchi rimpianti e inutili piagnistei perchè la vita è stata ingiusta e noi (o meglio, loro) siamo stati solo troppo stupidi per aver visto le cose più difficili di quanto non fossero.

Leggi il resto di quest’articolo »

L’ultimo bacio

lultimobacio-217x3001In quanto donzella non mi sono mai sentita appartente alla mischia di donne che guardano solo film romantici con barattolo gigante di gelato al cioccolato e kleenex al seguito. Ma questo è diverso.

Un film, che per come è curato non sembra neanche italiano. Potremmo pensare che sia americano, assecondando così lo scopo di Muccino Senior di alcuni anni più tardi, ma la trama è tutta nostra e solo da noi può reggere.

Faccio questo tipo di premessa perchè cinque anni dopo lo stesso Muccino rivendette i diritti del film per farne un re-make americano. Sebbene non sia mai uscito in Italia (e menomale), sono riuscita a vederlo sottotitolato (anche per vedere come se la sarebbe cavata Zach Braff, che adoro, negli stessi panni messi da Accorsi) e devo dire che per quanto ne abbia apprezzato lo sforzo, in questo tipo di storia solo la paura di crescere e il mal di vivere italiano, rendono questo film unico.

Una storia quasi della porta accanto che parla di cinque ragazzi sull’orlo dei trenta e che vivono, con le loro diverse vite e le loro diverse aspirazioni, alcune delle tante fasi di una storia d’amore.

Leggi il resto di quest’articolo »

 
    Web developed by Z3N.it
    Hosting WordPress by HardyPress