Infernal Affairs

Chen (Tony Leung Chiu Wai) è un agente di polizia infiltrato da più di nove anni e, mentre all’interno della polizia nessuno sa neanche che è in servizio, tra i malavitosi si è fatto un nome lavorando per il boss Sam (Eric Tsang). Lau (Andy Lau), invece, è stato tirato su dai malavitosi dello stesso boss di Chen, con lo scopo di farlo arruolare nella polizia fungendo così da talpa, e nel corso di una vita, il suo nome diventa sempre di maggior prestigio nel dipartimento. Le cose si complicano quando i rispettivi capi “ufficiali” dei due, il boss Sam e il capitano Wong (Anthony Wong), in lotta da anni, scoprono che all’interno delle loro squadra vi sono due rispettive talpe. Chen e Lau, dovranno così cercare di restare vivi tradendo ed uccidendo chiunque li ostacoli.

Leggi il resto di quest’articolo »

Hana-bi – Fiori di fuoco

Nishi (Takeshi Kitano), è un investigatore dai modi bruschi e distaccati, che dietro alla sua aria da duro, nasconde molto dolore: la moglie Miyuki (Kaioko Kishimoto) è affetta da leucemia e non ha speranza di guarire, non ha mai superato lo shock di aver visto morire due dei suoi migliori amici durante un’operazione di polizia ed è in debito con gli strozzini della yakuza. Dopo che il suo amico Horibe (Ren Osugi) finisce su una sedia a rotelle in seguito ad una sparatoria e dopo che il medico di sua moglie gli consiglia di riportare quest’ultima a casa, parte con lei per un viaggio.

Leggi il resto di quest’articolo »

Manhunter – Frammenti di un omicidio

Dopo aver catturato il pericoloso serial killer Hannibal Lecter (Brian Cox), l’agente Will Graham (William L. Petersen), si ritira dal servizio a causa degli incubi e delle ossessioni che gli ha causato il caso. Quando però un alto assassino, soprannominato Dente di fata (Tom Noonan), comincia a commettere con regolarità e precisione e suoi efferati delitti, Jack Crawford (Dennis Farina), il vecchio capo di Graham, è costretto a chiedergli aiuto. L’ex poliziotto accetta credendo di essere in grado di poter indagare restando nell’ombra, ma non tutto va come dovrebbe.

Leggi il resto di quest’articolo »

Heat – La sfida

Ci sono un criminale, Neil McCauley (Robert DeNiro), ed un poliziotto, Vincent Hanna (Al Pacino), il primo rapina importanti banche con il suo gruppo di uomini fidati, ed il secondo è un segugio implacabile che difficilmente sbaglia. Dopo che un colpo di Neil finisce con un massacro a causa di un nuovo membro della banda che si rivela essere un mezzo pazzo, comincia una caccia all’uomo che si protenderà fino ad uno scontro finale in solitaria tra i due.

Leggi il resto di quest’articolo »

The Killer

Tira una strana aria a The Killer, c’è un’atmosfera quasi indefinibile, che lo mette fuori sia dal genere noir, che dal poliziesco, facendolo assomigliare ad uno pseudo film di pura azione tutto spari e scazzottate, ma non è così.

John Woo, da quando se n’è andato in America, ha dimenticato la sua vecchia carriera, si è gettato alle spalle i suoi ibridi che riscossero successo in Cina, ed ha cominciato ad utilizzare effetti strabilianti e scena d’azione formidabili a discapito di dei soggetti che appaiono ben più semplicioni e alla buona, il suo antico stile, anche se più patinato, resta invariato: continua ad esserci un forte attaccamento per le scene madri, il suo marchio di fabbrica (le colombe) compare sempre e comunque, qualsiasi sia la situazione, le penetranti scene d’azione si basano su un concetto dell’estetica quasi unico.

Leggi il resto di quest’articolo »

The Departed – Il Bene e il Male

Scorsese ha perso smalto, di questo se ne sono accorti quasi tutti, non ha più l’abilità narrativa di una volta, non sa più conciliare in modo perfetto, come faceva ai vecchi tempi, la storia dell’America vista dalla prospettiva dell’ultimo dei morti di fame della società con il conflitto tra morale, fede e sangue, che si svolgeva all’interno di questo; però una cosa è sicura, i suoi film di mafia, ormai, si girano praticamente da soli, ed è profondamente sbagliato pensare che sia un regista che si copia da solo o che fa dei film tutti uguali, anzi, ben che gli argomenti siano quasi sempre gli stessi (la malavita dei piccoli borghi, la cattiva coscienza del paese e così via), le sfaccettature, i caratteri e le emozioni che fuoriescono da ogni da ogni prodotto, sono a miracolosamente a se stanti.

Leggi il resto di quest’articolo »

 
    Web developed by Z3N.it
    Hosting WordPress by HardyPress